Un commento al post del prof. Francesco Pizzetti in materia di intelligenza artificiale

Commentando questo post del prof. Francesco Pizzetti,á scrivevo:

Caro Professore anche in ambito linguistico le macchine – come dimostra la Chinese Room di Searle – manipolano simboli.

L’articolo del Sole24 parte da un presupposto sbagliato e cioe’ – paradossalmente – un errore semantico sull’uso della parola “imparare”.

Le macchine non “imparano” nel senso che diamo alla parola riferita all’essere umano. Vengono istruite a compiere dei passaggi che – per definizione – sono espressione di chi li organizza.

Dunque, anche il concetto di “neutralitÓ” dell’algoritmo Ŕ semplicemente sbagliato. Gli algoritmi, come qualsiasi espressione dell’essere umano, sono “parziali by default”.

Le cose sarebbero molto pi¨ chiare – e semplici – se evitassimo di antropomorfizzare le macchine. E dunque se usassimo, per descriverne il funzionamento, parole diverse da quelle che caratterizzano l’essere umano.

Ripeto quello che scrissi in un post qualche tempo fa: in Giapponese, esiste un verbo essere います (imasu) per gli esseri umani e uno あります (arimasu) per gli oggetti inanimati.

Possibly Related Posts: