Category Archives: MyTech

Free software e Pubblica Amministrazione: un matrimonio che non s’ha da fare

CopyrightMytechMondadori 14 novembre 2000

Perché la Pubblica Amministrazione italiana deve essere targata Microsoft? perché nessuno pensa all’open source? A dirlo al Linux Meeting 2000 non è uno hacker, ma il Direttore Generale del Ministero delle Finanze Continue reading

Possibly Related Posts:


Norme contro il cybersquatting. Dal “giudice” dei domini”, la prima decisione

di Alessia Ambrosini

CopyrightMytechMondadori 18 ottobre  2000


Per porre un freno al fenomeno dell’accaparramento dei domini.it (name grabbing o cybersquatting), la Naming
Authority italiana ha introdotto una procedura per consentire agli “aventi diritto” di entrare in possesso del dominio perduto: si tratta della cosiddetta Map, procedura amministrativa di trasferimento “coatto” di dominio dall’originario
assegnatario al contestante. La procedura si attiva dietro richiesta di chi contesta il dominio e viene attuata da appositi enti conduttori.
Continue reading

Possibly Related Posts:


La corsa a ostacoli al dominio. Vademecum per schivarli

di Alessia Ambrosini

CopyrightMytechMondadori 13 ottobre  2000


Se si vuole registrare un dominio, individuato il nome e il Tld (Top Level Domain), non resta che effettuare la registrazione. E qui è il primo problema. Non tutti i Tld geografici sono aperti: per chiedere la registrazione sotto parecchi di questi (si pensi allo spagnolo .es , oppure al belga .be, o anche al francese .fr) occorrono determinati requisiti, solitamente una sede o filiale dell’azienda registrante in quel determinato Paese. Come fare, allora, se si tratta di un dominio irrinunciabile?
Continue reading

Possibly Related Posts:


Al convegno mondiale sulla Privacy, le regole della cittadinanza elettronica

di Andrea Monti  – Copyright MytechMondadori 8 settembre 2000


I garanti e le associazioni a difesa della privacy di tutto il mondo si sono confrontati sui nuovi diritti della Rete. I problemi sul tappeto: un porto franco Europa-Usa per lo scambio dei dati personali, l’intercettazione delle e-mail e il progetto per un sistema globale antipirateria Continue reading

Possibly Related Posts:


Un nome di dominio su misura. Le regole auree per sceglierlo

di Alessia Ambrosini

CopyrightMytechMondadori 4 ottobre  2000

Questa settimana affronteremo un tema pratico.
Come si sceglie un dominio? È meglio registrare un nome generico o quello della propria impresa?
E come si valuta l’adozione del Top Level Domain (.com, .it e così via)? La scelta del dominio – la prima decisione critica da  prendere se si vuole debuttare in Rete – è strategica, dato che questo particolare “indirizzo” assomiglia sempre più a un biglietto da visita, alla porta di ingresso della propria azienda. A una seconda cittadinanza, insomma.
Continue reading

Possibly Related Posts:


Domini .it: registrazione rapida. È partita la sperimentazione

di Alessia Ambrosini

CopyrightMytechMondadori 27 settembre 2000

Allo stato attuale registrare un dominio .it non è così immediato come registrare un dominio.com/.org/.net. In effetti, per
ottenerne l’assegnazione, l’utente deve prima rivolgersi a un maintainer (un ente abilitato a effettuare la registrazione), quindi inviare (o far inviare dal maintainer), alla Registration Authority italiana, la famosa lettera di assunzione di
responsabilità, chiaramente riempita e firmata. A questo punto tocca al maintainer, che configura i Dns e fa pervenire – sempre alla Registration Authority – il modulo tecnico per il dominio di interesse. Per finire, l’Authority effettua tutti i vari controlli ed assegna (cioè registra) il dominio.
La procedura è evidentemente “laboriosa”. Per questo motivo, più parti (soprattutto i maintainer) hanno chiesto alla Registration Authority, da un lato, di snellirla e automatizzarla; dall’altro, di aumentare il livello di sicurezza relativo alle operazioni di invio dei dati.
Continue reading

Possibly Related Posts:


Domini di mano in mano. Da cedere, ereditare, vendere

di Alessia Ambrosini

CopyrightMytechMondadori 20 settembre 2000

Con questo articolo si conclude la triade dedicata alle regole di naming entrate in vigore lo scorso 15 agosto. L’ultima grossa novità introdotta riguarda la regolamentazione del trasferimento del dominio, o – più correttamente – la  regolamentazione del cambio di assegnatario. Continue reading

Possibly Related Posts:


Sul Web è nata una nuova professione. Diventa anche tu “ente conduttore”

di Alessia Ambrosini

CopyrightMytechMondadori 12 settembre 2000

La scorsa settimana abbiamo esaminato la procedura amministrativa di rassegnazione “coatta” di un dominio contestato, lo strumento predisposto dalla Naming Authority italiana per prevenire e combattere il fenomeno del cybersquatting.
Ricordiamo che il procedimento – ispirato agli stessi criteri adottati in sede internazionale da Icann per i domini .com, .org e .net – viene gestito da appositi enti conduttori e non direttamente dalla Registration Authority italiana, l’organismo che assegna e amministra i domini .it.
Se nello scorso articolo abbiamo esaminato la procedura dal punto di vista dell’utente, ora invece la guardiamo da un’ottica più “imprenditoriale”. Come si diventa ente conduttore? Quali sono i requisiti e le modalità per assumere questo incarico? Continue reading

Possibly Related Posts:


Un “giudice di pace” per i siti scippati – Le nuove regole dei domini .it

di Alessia Ambrosini

CopyrightMytechMondadori 8 settembre 2000



Da quando – 15 dicembre 1999 – sono venuti meno i limiti soggettivi (oggi chiunque può avere un indirizzo internet) e numerici (i titolari di partita Iva possono registrare quanti domini vogliono) alla registrazione dei domini, il fenomeno dell’accaparramento in malafede di nomi noti – da parte di speculatori disinvolti – è finito sempre più spesso nelle aule di giustizia e sulle pagine dei giornali. Continue reading

Possibly Related Posts:


Quando la tecnologia serve il diritto

di Andrea Monti – Copyright MytechMondadori 15 giugno 2000


Al banchetto dei dati personali, la strana coppia dei libertari e degli speculatori.
Ma una mano a tutela della privacy arriva dal software

Continue reading

Possibly Related Posts: