Consumatori e Operatori di Tlc: l’Autorità per le comunicazioni “apre” alla giustizia privata

di Andrea Monti – PC Professionale n. 140

Nelle controversie con gli operatori di Tlc ci si può rivolgere all’Autorità per le Comunicazioni invece che al Tribunale, previo tentativo di conciliazione.
Continue reading “Consumatori e Operatori di Tlc: l’Autorità per le comunicazioni “apre” alla giustizia privata”

Possibly Related Posts:


AGCOM Delib. 182/02

… omissis…

L’Autorità

NELLA riunione del Consiglio del 19 giugno 2002;

VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249, recante “Istituzione dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo”;

Continue reading “AGCOM Delib. 182/02”

Possibly Related Posts:


DIR 2002/38/EC

COUNCIL DIRECTIVE 2002/38/EC of 7 May 2002
amending and amending temporarily Directive 77/388/EEC as regards the value added tax arrangements applicable to radio and television broadcasting services and certain electronically supplied services

Continue reading “DIR 2002/38/EC”

Possibly Related Posts:


DIR 2002/38/CEE

15.5.2002  Journal officiel des Communautés européennes L 128/41

LE CONSEIL DE L’UNION EUROPÉENNE,
vu le traité instituant la Communauté européenne, et notam­ment son article 93,
vu la proposition de la Commission (1),
vu l’avis du Parlement européen (2),
vu l’avis du Comité économique et social (3), considérant ce qui suit:
Les règles actuellement applicables à la TVA sur les services de radiodiffusion et de télévision et les services fournis par voie électronique en vertu de l’article 9 de la sixième directive 77/388/CEE du Conseil du 17 mai 1977 en matière d’harmonisation des législations des États membres relatives aux taxes sur le chiffre d’affaires — Système commun de taxe sur la valeur ajoutée: assiette uniforme (4) — ne permettent pas d’imposer de manière adéquate ces services consommés dans la Communauté et de prévenir les distorsions de concur­rence dans ce domaine.
(2) Afin d’assurer le bon fonctionnement du marché inté­rieur, ces distorsions devraient être éliminées et de nouvelles règles harmonisées introduites pour ce type d’activité. Des mesures devraient être prises pour assurer, plus particulièrement, que ces services, dès lors qu’ils sont exécutés à titre onéreux et consommés par des clients établis dans la Communauté, sont imposés dans la Communauté et ne sont pas imposés lorsqu’ils sont consommés en dehors de la Communauté.
(3) À cette fin, les services de radiodiffusion et de télévision et les services fournis par voie électronique à partir de pays tiers à des personnes établies dans la Communauté ou, à partir de la Communauté, à des preneurs établis dans des pays tiers devraient être imposés au lieu d’éta­blissement du preneur des services.
(4) Afin de définir la notion de «services fournis par voie électronique», il convient d’en donner des exemples dans une annexe de la directive.
(5) Pour faciliter aux opérateurs fournissant des services par voie électronique qui ne sont ni établis ni tenus d’être identifiés aux fins de la taxe dans la Communauté le respect des obligations fiscales, il convient d’établir un régime spécial. En application de ce régime, tout opéra­teur fournissant ces services par voie électronique dans la Communauté à des personnes non assujetties peut, s’il n’est pas identifié par d’autres moyens aux fins de la taxe dans la Communauté, choisir d’être identifié dans un seul État membre.
(6) L’opérateur non établi qui souhaite bénéficier du régime spécial devrait satisfaire aux exigences prévues par ce régime et respecter toute disposition pertinente en vigueur dans l’État membre de consommation des services.
(7) Dans certaines conditions, l’État membre d’identification doit pouvoir exclure du régime spécial un opérateur non établi.
(8) Lorsque l’opérateur non établi choisit de relever du régime spécial, toute taxe sur la valeur ajoutée en amont qu’il a acquittée pour des biens et services utilisés aux fins de ses activités taxées relevant du régime spécial devrait être remboursée par l’État membre dans lequel la taxe sur la valeur ajoutée en amont a été acquittée selon les modalités prévues par la treizième directive 85/ 560/CEE du Conseil du 17 novembre 1986 en matière d’harmonisation des législations des États membres rela­tives aux taxes sur le chiffre d’affaires — Modalités de remboursement de la taxe sur la valeur ajoutée aux assujettis non établis sur le territoire de la Commu­nauté (5). Les restrictions facultatives au remboursement prévues à l’article 2, paragraphes 2 et 3, et à l’article 4, paragraphe 2, de la même directive, ne devraient pas être appliquées.
(9) Sous réserve des conditions qu’ils arrêtent, les États membres devraient autoriser, voire exiger, la transmis­sion par voie électronique de certaines déclarations.
(10) Les dispositions concernant le dépôt des déclarations fiscales par voie électronique devraient être adoptées à titre permanent. Il est souhaitable d’adopter toutes les autres dispositions à titre temporaire pour une période de trois ans qui peut être prolongée pour des raisons pratiques, mais ces dispositions devraient, en tout état de cause, être réexaminées, en se fondant sur l’expérience, dans un délai de trois ans à compter du 1er juillet 2003.
(11) La directive 77/388/CEE devrait dès lors être modifiée en conséquence,

Continue reading “DIR 2002/38/CEE”

Possibly Related Posts:


DIR 2002/38/CE

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,
visto il trattato che istituisce la Comunità europea, e in partico­lare l’articolo 93,
vista la proposta della Commissione (1),
visto il parere del Parlamento europeo (2),
visto il parere del Comitato economico e sociale (3), considerando quanto segue:
(1) Le norme attualmente vigenti in materia di IVA per i servizi di radiodiffusione e di televisione e i servizi prestati tramite mezzi elettronici a norma dell’articolo 9 della sesta direttiva 77/388/CEE del Consiglio, del 17 maggio 1977, in materia di armonizzazione delle legisla­zioni degli Stati membri relative alle imposte sulla cifra d’affari — sistema comune di imposta sul valore aggiunto: base imponibile uniforme (4), non sono adeguate per tassare la totalità di tali servizi il cui consumo ha luogo all’interno della Comunità e per impedire distorsioni di concorrenza in questo settore.
(2) Il corretto funzionamento del mercato interno impone l’eliminazione di tali distorsioni e l’introduzione di nuove norme armonizzate per questa categoria di atti­vità. In particolare andrebbero prese misure per garantire che tali servizi siano soggetti a imposizione nella Comu­nità, ove siano prestati a titolo oneroso e utilizzati da consumatori stabiliti nella Comunità, e non siano soggetti a imposizione se utilizzati al di fuori della Comunità.
(3) A tal fine, è opportuno che i servizi di radiodiffusione e di televisione e i servizi prestati tramite mezzi elettronici da paesi terzi a persone stabilite nella Comunità o dalla Comunità a destinatari stabiliti in paesi terzi siano soggetti a imposizione nel luogo del beneficiario dei servizi.
(4) Per definire i servizi prestati tramite mezzi elettronici si dovrebbero includere esempi di tali servizi nell’allegato della direttiva.
(5) Al fine di facilitare l’adempimento dei loro obblighi fiscali, agli operatori che forniscono servizi tramite mezzi elettronici, che non sono stabiliti nella Comunità e non devono esservi altrimenti identificati a fini fiscali, dovrebbe essere applicato un regime particolare.
Secondo tale regime gli operatori che prestano siffatti servizi tramite mezzi elettronici a persone che non sono soggetti passivi all’interno della Comunità, possono optare, se non sono altrimenti identificati a fini fiscali nella Comunità, per l’identificazione in uno Stato membro.
(6) L’operatore non stabilito nella Comunità che desidera beneficiare del regime particolare dovrebbe soddisfare i requisiti in esso previsti e le pertinenti disposizioni in vigore nello Stato membro in cui i servizi sono utilizzati.
(7) Lo Stato membro di identificazione deve a talune condi­zioni poter escludere un operatore non stabilito da tale regime particolare.
(8) Se l’operatore non stabilito opta per il regime partico­lare, qualsiasi imposta sul valore aggiunto a monte pagata dall’operatore per le merci e i servizi da questi utilizzati per le sue attività soggette a imposizione contemplate dal regime particolare dovrebbe essere rimborsata dallo Stato membro in cui è stata pagata l’imposta sul valore aggiunto a monte, conformemente alle disposizioni della tredicesima direttiva 86/560/CEE, del 17 novembre 1986, in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alle imposte sulla cifra d’affari. Modalità di rimborso dell’imposta sul valore aggiunto ai soggetti passivi non residenti nel terri­torio della Comunità (5). Non si applicherebbero le restri­zioni opzionali per il rimborso di cui all’articolo 2, paragrafi 2 e 3, e all’articolo 4, paragrafo 2, della stessa direttiva.
(9) Fatte salve le condizioni da essi stabilite, gli Stati membri dovrebbero consentire la presentazione di taluni elenchi riepilogativi e dichiarazioni tramite mezzi elettronici, e possono anche rendere obbligatorio il ricorso ai mezzi elettronici.
(10) Tali disposizioni relative all’introduzione di dichiarazioni fiscali e elenchi riepilogativi per via elettronica dovreb­bero essere adottate su base permanente. È auspicabile adottare tutte le altre disposizioni per un periodo prov­visorio di tre anni, prorogabile per motivi pratici, ma le disposizioni saranno comunque riesaminate, in base all’esperienza acquisita, entro tre anni a decorrere dal 1o luglio 2003.
(11) La direttiva 77/388/CEE dovrebbe essere modificata di conseguenza,

Continue reading “DIR 2002/38/CE”

Possibly Related Posts:


Dalla Camera di commercio di Milano arrivano gli usi della Rete

PC Professianle n.130 – gennaio 2002

Dalla Camera di commercio di Milano arrivano gli usi della Rete

Continue reading “Dalla Camera di commercio di Milano arrivano gli usi della Rete”

Possibly Related Posts:


DEC. C-2001 4540

Scarica il file in formato PDF

Possibly Related Posts:


Metatag e concorrenza sleale. Dal tribunale di Roma una decisione da “prendere con le molle”

di Andrea MontiWebMarketing Tools n.40/01

L’ordinanza 18/1/2001 della nona sezione civile del tribunale di Roma stabilisce che non è consentito utilizzare il nome di un concorrente come metatag allo scopo di “pilotare” le query sui motori di ricerca dei potenziali clienti.

Il caso riguarda una controversia fra due compagnie di assicurazioni, una delle quali avrebbe inserito il nome della concorrente fra i metatag del proprio sito. In modo che – si dice – che le query sui motori di ricerca restituissero sempre il suo indirizzo anche se dirette verso la concorrente.

L’uso distorto dei metatag è noto oltreoceano da parecchio tempo e infatti ci sono alcuni precedenti che conviene considerare prima di addentrarsi nell’analisi dell’ordinanza italiana. Continue reading “Metatag e concorrenza sleale. Dal tribunale di Roma una decisione da “prendere con le molle””

Possibly Related Posts:


Gestire un servizio broadband internet

di Andrea Monti – WebMarketing Tools n.39/01

L’aumento dell’ampiezza di banda disponibile – a costi ragionevoli – anche per gli utenti finali consente la realizzazione di servizi difficilmente concepibili anche solo pochissimo tempo fa. Ma chi vuole trarre un effettivo vantaggio da un sistema di broadband internet deve confrontarsi con scelte architetturali e tecniche di non banale rilievo. Una di queste riguarda la gestione distribuita dei contenuti, che serve ad ottimizzare le prestazioni della trasmissione selezionando il computer più vicino all’utente e quindi riducendo hop, attese e quant’altro. In pratica il sistema funziona in questo modo (mi perdonino i tecnici per la mostruosa semplificazione): un utente si collega ad un server il quale, prima di restituire i contenuti richiesti, provvede ad identificare la collocazione geografica di chi accede alla risorsa. A questo punto, seleziona il content server più vicino al quale indirizza la query. Continue reading “Gestire un servizio broadband internet”

Possibly Related Posts:


Proteggere il know how aziendale nei contratti di outsourcing

di Andrea Monti – WebMarketing Tools n.38/01

Non molto tempo fa chiacchierando durante la pausa di un convegno con un altro relatore (dirigente di una notissima multinazionale), la conversazione cadde sul problema della dispersione del patrimonio culturale aziendale. Questa persona mi raccontava di come – oramai – fosse per loro impossibile tenere traccia dell’architettura di rete della sede centrale e delle varie sedi. Dal momento che le varie installazioni susseguitesi nel corso degli anni erano sistematicamente state affidate a società esterne, che eseguivano i lavori senza “restituire” le informazioni necessarie a gestire anche le ulteriori evoluzioni delle infrastrutture. Gli unici a sapere “dove mettere le mani” – oltre ai tecnici dei fornitori – erano i dipendenti che avevano seguito i lavori e che ora – “andati in pensione” – offrivano all’ex datore di lavoro una consulenza che quest ultimo, se si fosse premunito, non avrebbe ragione di dover comprare. Continue reading “Proteggere il know how aziendale nei contratti di outsourcing”

Possibly Related Posts:


Facciamo il punto sulle “aste online”

di Andrea Monti – WebMarketing Tools n.37/01


E’ un’opinione molto diffusa che le “aste” online siano fuorilegge. Questo almeno si desumerebbe da una prima lettura del comma 5 del d.lgs. 114/98; che laconicamente recita: “Le operazioni di vendita all’asta realizzate per mezzo della televisione o di altri sistemi di comunicazione sono vietate”. L’internet rientra sicuramente fra gli “latri sistemi di comunicazione”, quindi le “aste” tramite la rete sono vietate.
Continue reading “Facciamo il punto sulle “aste online””

Possibly Related Posts:


GdP Milano Sent. 8367/01

Ufficio del giudice di pace di Milano

sez. 7ª

Repubblica italiana

in nome del popolo italiano

Continue reading “GdP Milano Sent. 8367/01”

Possibly Related Posts:


Ord. Tribunale di Roma 18-01-2001

Tribunale Ordinario di Roma
Ordinanza del 18 gennaio 2001

Continue reading “Ord. Tribunale di Roma 18-01-2001”

Possibly Related Posts:


E’ arrivata la direttiva sul commercio elettronico

di Andrea Monti – E-commerce Legalese Copyright 2000Login

Mentre mi preparavo a continuare il commento alla normativa attualmente in vigore che si applica al commercio elettronico l’Unione Europea ha emanato la direttiva 2000/31/CE che rimette tutto (o quasi) in discussione. L’importanza di questo provvedimento, dai contenuti, almeno in parte fortemente discutibili, sta nel fatto che intende disegnare un quadro giuridico armonico per tutti gli Stati dell’Unione. La conseguenza è che non essendoci (almeno in teoria) significative differenze. Continue reading “E’ arrivata la direttiva sul commercio elettronico”

Possibly Related Posts:


“Colpi di genio” online. Come si proteggono le idee?

di Andrea Monti – WebMarketing Tools n.36/00

Fino a un po’ di tempo fa, l’inventore di una tecnologia nuova aveva il serio problema di doverla realizzare in pratica e poi produrre in serie a costi accettabili. Per raggiungere questo obiettivo ci vogliono mezzi, risorse, know how, canali commerciali in quantità così elevate da essere ben difficilmente alla portata del novello Edison. Il che spesso costringeva lo squattrinato inventore a cedere per pochi spiccioli dei progetti che si sarebbero rivelati vere e proprie miniere d’oro. Continue reading ““Colpi di genio” online. Come si proteggono le idee?”

Possibly Related Posts:


Il Gattopardo e la new economy

di Andrea Monti – WebMarketing Tools n.30/00

La notizia del fallimento di Boo.com ha fatto il giro del mondo, ma non è certo l’unica e sopratutto – checchè se ne possa pensare – riguarda direttamente anche il nostro paese. Dove molte aziende “virtuali” spuntate dal nulla ci stanno precipitosamente ritornando e molte altre non sono proprio nate per via di una gestione miope e sbagliata dell’enorme quantità di miliardi rovesciata sulla rete. Entrare nello specifico di come sono stati gestiti gli startup internet sarebbe complesso e fuori luogo; ma sta di fatto che i venture capitalist hanno condizionato molto negativamente lo sviluppo di nuove attività d’impresa. Privilegiando la speculazione del brevissimo periodo (vedi i “fenomeni” borsistici) o comunque la realizzazione di profitti facili, piuttosto che la creazione di un valore duraturo. Continue reading “Il Gattopardo e la new economy”

Possibly Related Posts:


Il recesso nelle transazioni on-line. Qualche consiglio pratico

di Andrea Monti – WebMarketing Tools n.28/00

Il considerevole aumento delle vendite a distanza (e la proporzionale crescita del numero di “pacchi” – nell’etimo partenopeo della parola – rifilati ai clienti) ha indotto il legislatore comunitario prima, e quello italiano poi, ad emanare delle normative a tutela dell’”ignaro” consumatore. Ovviamente anche l’internet è stata “messa in mezzo”: vediamo come. Continue reading “Il recesso nelle transazioni on-line. Qualche consiglio pratico”

Possibly Related Posts:


GdP Rimini Sent. 18 ottobre 2000

Ufficio del Giudice di pace di Rimini

 Sentenza 18/10/2000

…omissis…

Motivi della decisione

Continue reading “GdP Rimini Sent. 18 ottobre 2000”

Possibly Related Posts:


AGCM Provv. n. 8694/00

Provvedimento n. 8694 ( C3955 ) KATAWEB-AMADEUS MARKETING ITALIA/KATAMA

L’AUTORITA’ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

Continue reading “AGCM Provv. n. 8694/00”

Possibly Related Posts:


AGCM Provv. n. 8596/00

L’AUTORITA’ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

NELLA SUA ADUNANZA del 10 agosto 2000;

SENTITO il Relatore Professor Giuseppe Tesauro;

Continue reading “AGCM Provv. n. 8596/00”

Possibly Related Posts:


Trib. Ivrea Sent. 17 luglio 2000

EL POPOLO ITALIANO 
TRIBUNALE DI IVREA 

Il Presidente del Tribunale Luigi GRIMALDI in funzione di giudice unico, ha pronunciato la seguente 

Continue reading “Trib. Ivrea Sent. 17 luglio 2000”

Possibly Related Posts:


Fare affari in rete. Quali regole?

di Andrea Monti – Copyright – Networking IDG Communications Italia (15 giugno  2000)

L’internet italiana è ancora ad uno stato embrionale e quindi anche la sua “versione commerciale” è tutta da costruire. Ciò non toglie che più di un operatore cominci a pensare seriamente di fare business online non solo nella prospettiva di vendere e comprare ma anche in quella, più ampia, della gestione di “transazioni”. Si, perché la rete non è soltanto “commercio”, ma anche utile strumento per altre forme di attività d’impresa, come il business to business. Il che implica, ovviamente, che le problematiche giuridiche sono molto più ampie e complesse dei soliti luoghi comuni sulle misteriose intercettazioni di numeri di carte di credito, o su fantomatici criminali che, si dice, frequentino la rete. Continue reading “Fare affari in rete. Quali regole?”

Possibly Related Posts:


Fare affari in rete. Quali regole?

Fare affari in rete. Quali regole?

di Andrea Monti

Tutti i diritti riservati Networking – IDG Communications Italia

Continue reading “Fare affari in rete. Quali regole?”

Possibly Related Posts:


Dir. 00-31-CE Regolamentazione del commercio elettronico

DIRETTIVA 2000/31/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Continue reading “Dir. 00-31-CE Regolamentazione del commercio elettronico”

Possibly Related Posts:


Min. industria Circ. 3487/c

Circolare n. 3487/c del 1 giugno 2000

 

Oggetto:

Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114
Disciplina della vendita di beni tramite mezzo elettronico 

Continue reading “Min. industria Circ. 3487/c”

Possibly Related Posts:


L’evoluzione normativa dell’information communication technology in Italia

di Andrea Monti – CopyrightSomediaEcommercing 29 aprile 2000

Con il passare del tempo e il crescere del volume degli scambi sulla rete, le problematiche giuridiche confinate a lungo nelle discussioni accademiche hanno cominciato ad interessare anche le aule di giustizia. I provvedimenti giudiziari emanati negli ultimi anni – fino a ieri, si potrebbe dire – sono di contenuto abbastanza vario. A sentenze che forniscono inquadramenti nitidi e precisi di questioni lungamente controverse (come in materia di duplicazione abusiva di software) fanno eco provvedimenti (come la recente ordinanza emanata dal Tribunale di Viterbo in materia di nomi a dominio)
di minore lucidità. Si è registrato un aumento vertiginoso di indagini in materia di duplicazione abusiva di software e violazioni della legge sul diritto d’autore, mentre per quanto riguarda la pirateria informatica non sembrano esserci novità significative. Ma il tema giuridico del momento è sicuramente quello della tutela giuridica del nome a dominio, reso di scottante attualità dalla corsa alla “registrazione selvaggia” partita a seguito della liberalizzazione nella gestione degli indirizzi.
Continue reading “L’evoluzione normativa dell’information communication technology in Italia”

Possibly Related Posts:


L’evoluzione normativa dell’ICT in Italia

L’evoluzione normativa dell’ICT in Italia un intervento a E-commercing 2000

di Andrea Monti

Tutti i diritti riservati Somedia – E-Commercing 29.04.00

Continue reading “L’evoluzione normativa dell’ICT in Italia”

Possibly Related Posts:


Consigli per gli acquisti (on line)

Interlex n.128

di Andrea Monti

Molte persone nutrono forti dubbi sulla validità giuridica di un acquisto online perché – lo si sente ripetere spesso – “non c’è un contratto scritto”. In realtà anche se non c’è un pezzo di carta firmato dalle parti, il rapporto giuridico è quasi sempre correttamente instaurato. Per la legge italiana infatti il contratto scritto (e addirittura in certi casi rogato dal notaio) serve soltanto per alcune categorie di oggetti (case, automobili). In altri termini, la stragrande maggioranza dei beni in commercio può essere negoziata “sulla parola” e dunque anche tramite l’internet. Inoltre, se non cadiamo nell’equivoco del “ciberspazio”, ci rendiamo immediatamente conto che in realtà quello che stiamo facendo null’altro è se non un acquisto a distanza, assolutamente identico a quelli che proponevano un tempo aziende come Vestro e Postalmarket. Solo che il catalogo lo consultiamo da una postazione remota e l’ordine lo effettuiamo tramite una linea telefonica. O se preferite qualcosa di meno antico, potete pensare alle televendite che tracimano quotidianamente da ogni schermo televisivo.

Continue reading “Consigli per gli acquisti (on line)”

Possibly Related Posts:


Internet e sicurezza – Trading on line: investire sì, ma con cautela.

PC Professionale n.109

Pecunia non olet, i soldi non puzzano, dicevano gli antichi, e così quella internet ricettacolo di lussuria e delinquenti ora è diventata – grazie al trading on line – il luogo preferito di pensionati, casalinghe e varia umanità, desiderosi di moltiplicare in un battibaleno i propri risparmi acquistando o vendendo al momento giusto i titoli azionari più disparati.
Continue reading “Internet e sicurezza – Trading on line: investire sì, ma con cautela.”

Possibly Related Posts:


Sent. Trib. Udine 25/2/00 (Interpretazione d.lgs 103/95)

Repubblica Italiana
In nome del Popolo Italiano
Il Giudice del Tribunale di Udine ha pronunciato la seguente

Continue reading “Sent. Trib. Udine 25/2/00 (Interpretazione d.lgs 103/95)”

Possibly Related Posts:


AGCM Provv. n. 8051/00

Provvedimento n. 8051 ( PI2671 ) LIBERO INFOSTRADA

L’AUTORITA’ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

Continue reading “AGCM Provv. n. 8051/00”

Possibly Related Posts:


Le leggi dell’e-business: altre sanzioni e più burocrazia per le imprese

WMTools n.ro 32

Le leggi dell’e-business: altre sanzioni e più burocrazia per le imprese

di Andrea Monti

Continue reading “Le leggi dell’e-business: altre sanzioni e più burocrazia per le imprese”

Possibly Related Posts:


Lo Stato fabbrica zavorre, l’impresa (spesso) inerzia

WMTools n.ro 34

Lo Stato fabbrica zavorre, l’impresa (spesso) inerzia

di Andrea Monti

Tutti i diritti riservati WebMarketing Tools 34/00

Continue reading “Lo Stato fabbrica zavorre, l’impresa (spesso) inerzia”

Possibly Related Posts:


Quando il carro è davanti ai buoi

di Andrea Monti – WebMarketing Tools n.18/99


Nel corso delle interminabili esplorazioni di una nota libreria online mi sono imbattuto in Time Based Security l’ultima fatica “letteraria” dell’esperto di sicurezza Winn Shwartau (già autore del pregevole Information Warfare) che offre nuove prospettive dalle quali osservare quel panorama sconfinato che è la sicurezza dei sistemi. Continue reading “Quando il carro è davanti ai buoi”

Possibly Related Posts:


L’internet, gli osservatori e le promesse da marinaio

di Andrea Monti – WebMarketing Tools n.17/99

Il vezzo tipicamente italiano di istituire commissioni di studio, gruppi di lavoro, consulte permanenti ha permeato di sè anche la Rete.

Dopo una gestazione di oltre due anni ha preso il via, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Forum per la Società dell’informazione. Nel corso di E-commercing 99 (l’evento organizzato da Somedia lo scorso marzo) un funzionario del Secit, il superispettorato del Ministero delle Finanze, ha annunciato l’isituzione presso il dicastero in questione di un osservatorio sul commercio elettronico. Il Ministero dell’Industria indica le linee politiche per lo sviluppo dell’e-commerce. Strutture universitarie, parauniversitarie e protouniversitarie nonchè editori dall’estrazione più varia si lanciano nella pubblicazione di rapporti annuali, dizionari terminologici, analisi quantitative e dio sa cos’altro. Continue reading “L’internet, gli osservatori e le promesse da marinaio”

Possibly Related Posts:


Vendere software on line

di Andrea Monti – Computer Programming n.76/1999

Nonostante il fatto che il commercio elettronico sia – al momento – più un oggetto per organizzare convegni e fare soldi sugli applicativi, che una reale opportunità di guadagno per gli operatori tradizionali, è fuori discussione che nel mondo dei computer ci sia una “controtendenza” nemmeno troppo strana da spiegarsi. Morale: usare la Rete per vendere informatica non è poi così strano, o difficile…

Continue reading “Vendere software on line”

Possibly Related Posts:


Carta Si… o no?

WMTools n.ro 23

di Andrea Monti

Si parla spesso dei fattori che impediscono lo sbocciare del commercio elettronico “made in Italy”, che sistematicamente vengono individuati nella scarsa propensione dell’italiano medio a comprare “sulla fiducia” o nella scarsa reattività dell’imprenditoria indigena che da un lato si ostina a non voler capire – aggrappata com’è al sano buon senso – di quali “miracoli virtuali” sarebbe capace una rutilante paginetta web; dall’altro non fa nulla per scrollarsi di dosso una buona coltre di ignoranza. Sarà anche così, ma più passa il tempo, e più mi convinco che le ragioni devono essere altre, non ultima la scarsa attitudine delle società che gestiscono le carte di credito – e più in generale il sistema bancario italiano – ad agevolare chi sceglie di operare tramite la Rete. A questo proposito credo sia molto esemplificativa una vicenda personale (che non ritengo affatto un caso isolato)

Continue reading “Carta Si… o no?”

Possibly Related Posts:


Quando i nodi vengono al pettine

WMTools n.ro 22

di Andrea Monti

A volte invidio gli ingegneri edili.

Sia per formazione che per necessità professionale, queste persone – almeno in teoria – non possono permettersi di allentare il contatto con la realtà, altrimenti i ponti cadrebbero e le case verrebbero su sghembe. Queste riflessioni tendono a manifestarsi, in modo particolare, quando mi capita di incontrare certi “fenomeni normativi” che animano convegni, seminari e pagine di periodici specializzati e la storia recente lo dimostra con chiarezza.

Continue reading “Quando i nodi vengono al pettine”

Possibly Related Posts:


In ogni invito a cena c’è qualcuno che paga il conto (ovvero, attenzione alle note del Pifferaio Magico)

WMTools n.ro 20

di Andrea Monti

Una storiella molto nota nell’ambiente dei commerciali racconta di due venditori di scarpe che nell’affannoso tentativo di aprire nuovi mercati arrivano fino in un paese del terzo mondo. Uno dei due – constatando che la popolazione non aveva praticamente idea di cosa fosse una calzatura, scrive alla sede centrale dicendo: “tutti scalzi, mercato inesistente, torno alla base”. Il secondo invia una messaggio totalmente diverso: “tutti scalzi, mercato vergine, apro filiale”.
La situazione dell’internet è pressappoco la stessa: un mercato potenzialmente molto esteso ma disinteressato o refrattario al prodotto, letteralmente invaso di venditori disperatamente in cerca di idee per riuscire – se non a guadagnare – a tenere in piedi la filiale aperta sull’onda dell’entusiasmo.
Uno dei sistemi più gettonati del momento è quello di offrire servizi internet gratuiti e infatti – dopo un avvio stentato – si è diffusa a macchia d’olio la tendenza a regalare di tutto, dalla posta elettronica alle home-page fino ad arrivare all’accesso all’internet e – pare – ai personal computer.

Continue reading “In ogni invito a cena c’è qualcuno che paga il conto (ovvero, attenzione alle note del Pifferaio Magico)”

Possibly Related Posts:


DLGV 185/99

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Vista la direttiva 97/7/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 maggio 1997, riguardante la protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza;

Continue reading “DLGV 185/99”

Possibly Related Posts:


Tassare l’internet: l’OECD allontana il fantasma della bit-tax

di Andrea Monti – PC Professionale n. 98

Nel corso di E-commercing 99, la manifestazione svoltasi lo scorso 23 marzo a Milano e organizzata da Somedia – Le conferenze di Repubblica, è stato dedicato ampio spazio al problema delle nuove regole giuridiche per il commercio elettronico in Rete, con particolare riferimento alle questioni fiscali.

Continue reading “Tassare l’internet: l’OECD allontana il fantasma della bit-tax”

Possibly Related Posts:


I LOG di sistema fra esigenze del mercato e tutela dei dati personali

Interlex n.80

di Andrea Monti

La formulazione testuale dell’articolo 4 del del DLgs 171/98 consente ai fornitori di servizi di telecomunicazioni il trattamento dei dati relativi ai collegamenti dell’utenza e in particolare l’identificazione della linea chiamante (CLI – Calling Line Identifier) ai soli fini della fatturazione dei servizi, subordinandone gli impieghi ulteriori all’espresso consenso della stessa.
Si è immediatamente posto da un lato il problema del “se e come” applicare questa norma ai servizi internet; dall’altro quello di valutare il rapporto di questa previsione con la legge 675/96.

Continue reading “I LOG di sistema fra esigenze del mercato e tutela dei dati personali”

Possibly Related Posts:


L’internet e l’ipocrisia di leggi e politica

WMTools n.ro 15

di Andrea Monti

Sono oramai cinque anni che l’internet bussa alle porte del nostro paese, ma nessuno ancora risponde Mentre il mondo delle imprese, avendo intuito le potenzialità del mezzo, sta cercando faticosamente di capire come impiegarlo, politici e legislatori si ostinano a considerare questo strumento come un giocattolo per intellettuali o per adolescenti perdigiorno.

Continue reading “L’internet e l’ipocrisia di leggi e politica”

Possibly Related Posts:


Vendere software on line

Computer Programming n.ro 76 del 01-01-99

di Andrea Monti

Nonostante il fatto che il commercio elettronico sia – al momento – più un oggetto per organizzare convegni e fare soldi sugli applicativi, che una reale opportunità di guadagno per gli operatori tradizionali, è fuori discussione che nel mondo dei computer ci sia una “controtendenza” nemmeno troppo strana da spiegarsi. Morale: usare la Rete per vendere informatica non è poi così strano, o difficile…

Continue reading “Vendere software on line”

Possibly Related Posts:


Il colosso dai piedi d’argilla

WMTools n.ro 13

di Andrea Monti

Da questo mese entra in vigore la normativa che consente la presentazione tramite una rete privata virtuale delle denunce fiscali (al momento questo vale solo per gli intermediari autorizzati – commercialisti, Centri di Assistenza Fiscale, aziende – ma entro il 2000, almeno pare, la possibilità sarà estesa anche ai singoli cittadini). Per risolvere il problema del ritardo nell’aggiornamento dei registri che compongono la cosiddetta “fedina penale” nel Tribunale di Roma si invoca il “cablaggio” e il collegamento degli Uffici Giudiziari con le anagrafi dei comuni (intervista ad un alto magistrato, andata in onda sul TG1 del 14 di questo mese).

Continue reading “Il colosso dai piedi d’argilla”

Possibly Related Posts:


Servizi Internet Based tra mercati globali, leggi confuse e guide al commercio

di Andrea Monti – PC Professionale n. 92

Qualche anno fa, quando l’internet era veramente una cosa per pochi intimi, ragionavo insieme ad un provider per capire quali potessero essere i modi più efficaci per fare soldi con il “nuovo” mezzo. Da quel brainstorming vennero fuori – come sempre succede – molte stupidaggini ma anche delle idee interessanti come quella di offrire un servizio di posta elettronica certificata (integrità del contenuto, data di spedizione, data di arrivo, generalità di mittente e destinatario).

Continue reading “Servizi Internet Based tra mercati globali, leggi confuse e guide al commercio”

Possibly Related Posts:


Parlano italiano le regole del commercio elettronico

di Andrea Monti – PC Professionale n. 92

Una proposta di direttiva presentata lo scorso novembre dal Commissario europeo Mario Monti affronta lo spinoso tema delle regole per il commercio elettronico.

Continue reading “Parlano italiano le regole del commercio elettronico”

Possibly Related Posts:


La bit-tax: un nuovo ostacolo per il commercio elettronico?

di Andrea Monti – PC Professionale n. 89

Uno degli incubi che popolava i (brevi) sonni dei telematici di qualche anno fa era la temutissima bit-tax, ovvero l’ennesimo balzello imposto questa volta al traffico generato dai modem.

Continue reading “La bit-tax: un nuovo ostacolo per il commercio elettronico?”

Possibly Related Posts:


Artisti senza… Rete

di Andrea Monti – PC Professionale n. 87-88

La progressiva digitalizzabilità di film e musica (per non parlare dei programmi) ha obiettivamente creato grossi problemi alle società che ne detengono i diritti di sfruttamento economico perché ha di molto facilitato il fenomeno della riproduzione abusiva anche su scala industriale.

Continue reading “Artisti senza… Rete”

Possibly Related Posts:


DLGV 171/98

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Vista la legge 31 dicembre 1996, n. 675, e successive modificazioni ed integrazioni;
Vista la legge 31 dicembre 1996, n. 676, recante delega al Governo in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, di istituzione dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e recante norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo;
Vista la direttiva 97/66/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, sul trattamento dei dati personali e sulla tutela della vita privata nel settore delle telecomunicazioni;
Vista la raccomandazione del Consiglio d’Europa n. (95) 4 del 7 febbraio 1995, sulla protezione dei dati personali nel settore dei servizi di telecomunicazioni, con particolare riguardo ai servizi telefonici;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 19 settembre 1997, n. 318, recante il regolamento per l’attuazione di direttive comunitarie nel settore delle telecomunicazioni;
Visto il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 8 maggio 1997, n. 197, recante il regolamento di servizio concernente le norme e le condizioni di abbonamento al servizio telefonico;
Visto il decreto del Ministro delle comunicazioni in data 25 novembre 1997, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 283 del 4 dicembre 1997, recante disposizioni per il rilascio delle licenze individuali nel settore delle telecomunicazioni;
Sentito il Garante per la protezione dei dati personali;
Visto l’articolo 14 della legge 23 agosto 1998, n. 400;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 9 aprile 1998;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Ministro di grazia e giustizia;

Continue reading “DLGV 171/98”

Possibly Related Posts: